07 febbraio 2007

IL GIOVANE HOLDEN

da Francesco Nardi

Il giovane Holden è una persona normale, cu si piegano le caviglie mentre pattina sul ghiaccio, che maledice i fenomeni che gli passano accanto come razzi, anche se come lui non sanno dove andare. E’ un buon diavolo, sì. Di quelli, però, che tornano a casa - malati - nel giro di cinque giorni e 240 pagine di indimenticabile romanzo. Peccato.

Il giovane Holden
J.D. Salinger
Einaudi
240 pag. 16 Euro.

1 commento:

Primo Casalini ha detto...

Ho partecipato tanti anni fa all'entusiasmo molto diffuso per Il giovane Holden, per forza di cose traduzione infedele di The Catcher in the Rye, per quanto... L'acchiappatore nella segale non sarebbe stato male. L'entusiasmo riguardò anche l'autore, Salinger, si stava tutti ad attendere quello che avrebbe scritto dopo. Credo che ci fosse una sopravalutazione del valore dell'opera e dell'autore. Non mi viene voglia di rileggerla, la storia dell'inamoramento del giovane Holden mi sembra abbia un fondo di debole sentimentalismo nettamente superato dai tempi, nel male, ed è evidente, ma anche nel bene: c'è da anni una consapevolezza non più tardoromantica del sentimento amoroso, e ciò è bene.

Primo Casalini